Non di solo pane vive l’uomo e nemmeno di solo calcio! Ogni 4 anni, in un rituale di festa che si ripete, l’evento dei mondiali di calcio rappresenta anche un modo intelligente e bilanciato di scoprire luoghi nuovi.  Tra una partita e una puntata su www.scommesselive.com , un po’ di sonno e di pause, restano tante ore da poter impiegare nei giorni per tuffarsi nell’arte, nella storia, nella cultura e nella tradizione di un paese. Per il 2018 la Russia offre uno scenario infinito su ognuno dei campi sopracitati e, in base al proprio piacere e alla propria curiosità sarà capace di soddisfare l’appetito artistico e culturale di ogni visitatore.

Cosa vedere categoricamente in Russia sempre e soprattutto durante i mondiali 2018? Scopriamolo insieme

Piazza Rossa a Mosca e cattedrale di San Basilio

Piazza Rossa rappresenta il cuore della capitale russa e divide il Cremlino, residenza zarista e ora parlamentare, dal quartiere che un tempo fu sede di mercanti e affaristi. Simbolo storico e culturale della Russia, ospita la meraviglia architettonica della Cattedrale di San Basilio, costruita da Ivan il Terribile nel 1561, il mausoleo di Lenin e il monumento agli eroi  nazionali.

L’Hermitage di San Pietroburgo

Si tratta di uno dei musei più grandi e più visitati al mondo. Composto da vari palazzi, contiene più di 3 milioni di opere. A differenza della rappresentanza calcistica, forte è quella artistica italiana: il complesso, infatti, è stato realizzato da Bartolomeo  Rastrelli e Giacomo Quarenghi, gli interni invece sono stati realizzati da Giuseppe Lucchini.

Metropolitana di Mosca

Più di metropolitana si parla tranquillamente di museo sotterraneo: marmi, busti e sculture rendono il luogo unico al mondo. A tutto ciò si aggiunge la cura maniacale degli spazi sotterranei  e attualmente, altre città, tra cui Napoli, si sono ispirate alla grandezza sotterranea di questa coniugazione servizio – arte.

Trasiberiana – Siberia

Non un luogo ma un’esperienza indimenticabile. Un viaggio incredibile in cui dal proprio finestrino si potrà godere della vista di un intero Paese, tra territori selvaggi e paesaggi inconsueti.  Un viaggio che promette di cambiare la propria vita. (E poi noi italiani, per fortuna o purtroppo, avremo tutto il tempo necessario).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *