Luci a LED e coltivazioni

La tecnologia delle luci a LED è utilizzata in sempre maggior numero all’interno delle serre questo perchè è un tipo di illuminazione che permette di personalizzare lo spettro luminoso a seconda del tipo di piante coltivate, inoltre con questo metodo è possibile anche migliorare l’efficienza energetica.Le serre di ultima generazione sono state pensate per favorire la produzione naturale di ortaggi nell’arco di tutto l’anno, grazie all’incredibile scoperta delel luci a LED. Questo nuovo tipo di illuminazione viene attivata perlopiù nel periodo autunno-inverno, e permette di allungare i tempi di coltivazione anche nei mesi più freddi e fornire alle piante la luce necessaria per migliorare la crescita, la produzione e il sapore dei prodotti, che in questo modo sono grandi e saporiti.

L’avvento delle luci a LED

L’arrivo sul mercato di questa nuova tecnologia per illuminare sia le abitazioni che i luoghi pubblici, le fabbriche, i giardini, le strade e molto altro, ha portato una vera rivoluzione anche nel campo dell’agricoltura; con una vera sferzata tecnologica che ha migliorato i metodi e i tempi di coltivazione di ortaggi, ma non solo anche di fiori, piante da frutta e piante ornamentali. Le aziende leader del comparto stanno già da qualche anno sviluppando nuove soluzioni per l’illuminazione e la nutrizione delle piante nei diversi contesti produttivi nel campo “verde” Queste aziende hanno scoperto che le lampade LED, avendo spettri specifici nelle frequenze luminose migliorano e accrescono la capacità delle piante di assorbire i nutrienti disciolti nel terreno di coltivazione. Le aziende con un più ampio potere di ricerca stanno infatti cercando di mettere a punto una serie di test nei laboratori dedicati allo studio e nelle serre sperimentali per arrivare a risultati ancor a più soddisfacenti nello sviluppo delle piante e nella loro successiva produzioni di verdure e frutta oltre che di fiori e piante da ornamento. Per approfondire le nozioni sull’illuminazione a LED visita luceled

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *